Formula 1, GP del Messico: Déjà Vu Verstappen

Formula 1, GP del Messico: Déjà Vu Verstappen

Formula 1, GP del Messico: Déjà Vu Verstappen

90
0

Terzultima prova del Mondiale di F1. Si corre in altura a Città del Messico. Max Verstappen, che qui vinse lo scorso anno, è stato il più veloce. Hamilton è a un passo dal laurearsi di nuovo campione così come accadde proprio la scorsa stagione qui in terra messicana. Scoprite con me le quote dei favoriti.

HAMILTON, CI SIAMO – Settanta punti da gestire sui 75 ancora disponibili in questi ultimi tre gran premi. Insomma, per Lewis non è più questione di se ma solo questione di quando. Grazie alla vittoria di Raikkonen in quel di Austin la festa Mercedes è stata rimandata ma l’impressione è che questa volta, così come successe nel 2017, sarà la splendida cornice di Città del Messico a fare da sfondo alla festa delle frecce d’argento. Festa che sarebbe più che legittima visto che al momento il team di Woking con ancora tre GP da correre ha collezionato con il solo Hamilton 8 pole, 3 giri veloci e 9 primi posti.

CITTÀ DEL MESSICO E QUEI 2200 METRI – Il circuito dell’Hermanos Rodriguez è molto particolare in primis perchè sorge a 2200 metri sopra il livello del mare, cosa decisamente insolita per un tracciato motoristico. La rarefazione dell’aria mette a dura prova sia i piloti che i tecnici che, a distanza di una sola settimana dal GP degli Stati Uniti, hanno dovuto implementare molte modifiche sia nel power unit che nel sistema aerodinamico. È il quarto gran premio da che si corre qui dopo dopo lo stop del 1992. Nel 2015 vinse Rosberg, quindi Hamilton nel 2016 e infine Verstappen lo scorso anno in quello che fu un GP ricco di emozioni con la grande rimonta di Vettel dall’ultima posizione fino a un passo dal podio.

PARLA VETTEL – Come al solito sorridente, Seba ha parlato così ai cronisti dopo la prima sessione di libere: “Oggi è stata un po’ dura far funzionare la macchina nel modo giusto – ha detto il tedesco – abbiamo lavorato soprattutto in vista di qualifica e gara. In configurazione GP non siamo andati male, sul giro secco eravamo un po’ in difficoltà a trovare il giusto bilanciamento e a tirar fuori il rendimento delle gomme. La difficoltà è che non c’è aderenza, e questo non fa funzionare bene le gomme, è per quello che si vedono distacchi così evidenti tra le auto. C’è lavoro da fare. Tutti comunque hanno del margine per progredire sabato, la chiave sarà la gomma perché chi riesce a portarla in temperatura può guadagnare dai 4 ai 6 decimi”.

OFFERTA E QUOTE SNAI – Libere che hanno visto il dominio delle Red Bull seguite da Mercedes e Ferrari. Questo potrebbe essere il leit motiv del weekend con Verstappen e Ricciardo finalmente competitivi. Il meteo potrebbe essere un fattore determinante di oggi e domani visto che le previsioni danno pioggia. Visto quanto fatto vedere la scorsa stagione dall’olandese della Red Bull, confermato anche nella giornata di ieri, è Verstappen il primo favorito a vincere il gran premio a quota SNAI 2,50. Dietro di lui grande bagarre con Vettel a 4 e Hamilton (che non è obbligato a vincere ma può anche solo gestire il vantaggi) a 4,50. Seguono Ricciardo a 5 e Raikkonen a 15 con Bottas a 20.

(Credits: Getty Images)

(90)

Marco Perciabosco Nato a Milano e per questo indottrinato fin dalla nascita da mio padre alla "malattia" per Inter e Olimpia. La passione e l'amore per il football amer... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI