GP di Stiria, si corre di nuovo al Red Bull ring a una settimana dal successo di Bottas

GP di Stiria, si corre di nuovo al Red Bull ring a una settimana dal successo di Bottas

GP di Stiria, si corre di nuovo al Red Bull ring a una settimana dal successo di Bottas

82
0

Domani partono le libere di Spielberg vista la necessità del nuovo calendario di avere le prime due gare sul circuito austriaco. Mai nella storia si è corso sulla stessa pista a distanza di una settimana e quindi anche per piloti e tecnici, la corsa a migliorarsi sarà ancora più spasmodica. Hamilton, Verstappen e Vettel chiamati al riscatto.

COSA È SUCCESSO UNA SETTIMANA FA

Dire che è accaduto di tutto è usare un eufemismo: il grande protagonista è stato ovviamente il finlandese della McLaren, Bottas che ha fatto doppietta prendendosi pole position al sabato e vittoria la domenica. I suoi principali avversari si sono (quasi) tutti ammutinati. Il vincitore dello scorso anno, Verstappen (che corre sulla pista di casa Red Bull) partito secondo ha avuto problemi con la monoposto fin dal decimo giro e non è arrivato al traguardo. Hamilton, penalizzato per un sorpasso con contatto ha chiuso solo quarto fra le due McLaren di Norris e Sainz (terzo e quinto) che sono state le vere sorprese del primo weekend austriaco. E le Ferrari? Lentissime nelle qualifiche con Leclerc solo settimo e Vettel addirittura undicesimo, hanno passato una domenica agrodolce. Il dolce è arrivato da Charles autore di una rimonta pazzesca e finito secondo alle spalle di Bottas. L’amaro, purtroppo, porta ancora la firma di Seb, che ha chiuso con un anonimo decimo posto.

I TEMI DELLA GARA DEL WEEKEND

Partiamo dalle Ferrari. Le note dolenti del primo weekend di Spielberg hanno costretto la scuderia di Maranello a provare a fare i salti mortali per anticipare una parte della modifica del pacchetto aerodinamico che era previsto per Budapest. Questo per stare al passo delle novità introdotte dai rivali che sono risultati nettamente più veloci sia sul giro lanciato che sul passo gara. Anche la Red Bull è chiamata a ritrovare subito affidabilità visto che Verstappen, a zero punti dopo il “suo” GP, è senza dubbio un handicap che va colmato subito. Hamilton non sorride ma di certo non è nemmeno allarmato visto che dalla sua ha la macchina migliore ed è a tutti gli effetti il grande favorito nelle quote sia per libere, qualifiche e gara. Attenzione però a sabato dove la possibilità di pioggia potrebbe condizionare non poco le sessioni.

LE VOCI DEI PROTAGONISTI DOPO IL PRIMO GP

Toto Wolff (team principal Mercedes): “La verità è che siamo stati fortunati a portare a termine il GP, domenica. Sulla carta il risultato è lusinghiero ma siamo stati fortunati. L’affidabilità ci ha creato parecchia preoccupazione ed è la nostra assoluta priorità al momento. Dobbiamo migliorare molto su quel fronte perché in un campionato così breve non possiamo permetterci di perdere punti. Le componenti della scatola del cambio possono crearci problemi per via dei cordoli aggressivi del Red Bull Ring e ci siamo messi subito al lavoro in fabbrica e in pista per portare nuove componenti già dal prossimo GP”.

Leclerc dopo il secondo posto: “Non me l’aspettavo. È davvero una grande sorpresa, ma molto buona! Penso che oggi abbiamo fatto tutto in modo perfetto e siamo riusciti a chiudere al secondo posto. È la prova che tutto può accadere, sono felicissimo. Abbiamo avuto un po’ di fortuna con la penalità di Lewis e alcuni incidenti ma oggi avevamo come obiettivo cogliere ogni opportunità che ci si fosse presentata. Comunque c’è ancora molto lavoro da fare, siamo ancora molto lontani. Dobbiamo essere forti a livello mentale, lavorare insieme e penso che torneremo dove vogliamo ma ci vorrà del tempo. Stiamo spingendo al massimo, speriamo di avere presto le novità e di riportare presto la Ferrari dove merita”.

Vettel sul suo futuro: “Onestamente, ancora non ho deciso per me stesso naturalmente è importante trovare un ambiente in cui adattarsi. Mi sono goduto molto gli ultimi cinque anni, che però mi sono costati grande energia. In Ferrari tutti abbiamo provato di tutto, ma alla fine abbiamo fallito da una parte e dall’altra. Il titolo era il grande obiettivo. Ora l’importante è trovare qualcosa che mi si addice, che mi diverta l’aspetto finanziario non è per niente in primo piano. Resto molto ambizioso, il motorsport è la mia vita, non voglio farne a meno, e penso che con il lavoro giusto e nel posto giusto mi sentirei ancora molto a mio agio su un’auto di Formula 1”.

Verstappen su un possibile ritorno di Vettel in Red Bull: “Non penso possano esserci problemi. Tutti i piloti che arrivano in F1 vogliono vincere. Alla fine ci sono molti buoni piloti, ma conta più la macchina del pilota. Negli ultimi 5 anni in tanti avrebbero vinto il campionato guidando una Mercedes”.

LE PREVISIONI SU QUALIFICHE E GARE

Lewis Hamilton partirà davanti a tutti nei pronostici dei quotisti, nettamente per qualifica e gara mentre nelle libere di venerdì la lotta sembrerebbe un pochino più aperta. Occhio però a Bottas che dopo il weekend perfetto di settimana scorsa non può e non deve essere sottovalutato. Dietro le due Mercedes ci sono le due Red Bull che però come detto arrivano dalla grande delusione dell’apertura della stagione con Verstappen ritirato e con Albon solo 13esimo. In terza fila secondo il mercato del betting troviamo Leclerc e Vettel ma attenzione anche alle McLaren arancioni di Norris e Sainz che hanno fatto benissimo. Loro e le RacingPoint di Perez e Stroll possono essere le vere outsiders del weekend. Fra peggiori invece segnaliamo Latifi (favoritissimo come ultimo classificato) e il duo Grosjean-Magnussen (i due più probabili a ritirarsi per primi).

 

(Credits: Getty Images)

(82)

Marco Perciabosco Nato a Milano e per questo indottrinato fin dalla nascita da mio padre alla "malattia" per Inter e Olimpia. La passione e l'amore per il football amer... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI