MOTOGP, PRESENTATA LA NUOVA KTM: MILLER NEW ENTRY INSIEME A BINDER

MOTOGP, PRESENTATA LA NUOVA KTM: MILLER NEW ENTRY INSIEME A BINDER

MOTOGP, PRESENTATA LA NUOVA KTM: MILLER NEW ENTRY INSIEME A BINDER

108
0

Dopo Yamaha e Ducati arriva la presentazione del terzo team ufficiale della prossima MotoGp, la KTM griffata Red Bull. A guidare le nuove RC16 nel prossimo Mondiale saranno il confermato sudafricano Brad Binder e la new entry Jack Miller, australiano ed ex pilota Ducati, che torna a guidare la moto austriaca dopo l’esordio nelle classi inferiori. La casa austriaca, al settimo anno nella classe regina, proverà a fare il definitivo salto di qualità e lottare finalmente per il titolo con una coppia di piloti che sembra un giusto mix di esperienza e caparbietà. Binder lo scorso anno ha chiuso il Mondiale in sesta posizione con due podi stagionali. Jack Miller invece ha ottenuto quattro successi in carriera nella top class, compreso quello del 2022 in Giappone, ma con il cambio di team punta a diventare nuovamente uno dei protagonisti assoluti della MotoGp. A livello di squadra nella passata stagione le moto arancioni hanno chiuso al secondo posto alle spalle della Ducati nella classifica per marche, superando anche un colosso come la Honda.

Soddisfatto ma non pago del risultato il Team Manager Francesco Guidotti: «Sicuramente chiudere al secondo posto la classifica a squadre l’anno scorso è stata una bella soddisfazione ma soprattutto un nuovo punto di partenza. Significa che la squadra ha lavorato bene e che c’è una buona atmosfera. Con un calendario da ventuno gare è importante essere competitivi e costantemente nei primi cinque, senza dimenticare la novità delle gare sprint. Siamo un team ufficiale, il nostro obiettivo non può che essere il titolo. Non è facile dichiararlo, tantomeno farlo. I nostri due piloti formano un binomio molto speciale e le loro personalità spiccate saranno un punto di forza per la squadra». La parola passa poi ai due piloti, con Jack Miller che si dichiara ottimista: «È emozionante essere di nuovo in KTM e ritrovare tanti vecchi amici. Ho buone sensazioni! Attendevo questo momento da molto tempo: vedere la moto con i nuovi colori, me stesso in tuta, insomma i preparativi per la stagione che ci attende». Il veterano Binder ammette: «La pausa invernale è stata fin troppo lunga, non vedo l’ora di tornare in pista e di ripartire per la mia quarta stagione in MotoGP e credo che questa sia la mia occasione migliore di conquistare qualcosa di importante. Siamo pronti: adesso andiamo a Sepang e vediamo cosa succede nei primi giorni di test».

 

(Credits: Getty Images)

(108)

Redazione Redazione SNAI Sportnews... VAI ALLA PAGINA AUTORE