MotoGP: tutto pronto per il Gran Premio d’Olanda

MotoGP: tutto pronto per il Gran Premio d’Olanda

MotoGP: tutto pronto per il Gran Premio d’Olanda

87
0

Dopo la seconda e clamorosa vittoria di Jorge Lorenzo nella gara del Montmelò, i piloti sono rimasti a girare sulla pista spagnola anche in vista del prossimo GP in Olanda.

Entrambi i piloti Yamaha hanno provato un serbatoio più corto, con una forma diversa vicino al manubrio, che dovrebbe portare chi è in sella a stare in una posizione più arretrata. Valentino Rossi aveva qualche speranza di trovare un miglioramento ma la pista non sembra avergli dato i riscontri che cercava:”Non ho avuto vantaggi da quello che abbiamo portato qui, abbiamo provato alcune novità di elettronica e qualche dettaglio come quello del serbatoio, ma non è quello che serve” dice il Dottore.

In pista c’era Marc Marquez, sostanzialmente in testa per tutti i turni e per tutto il giorno, anche con una interessantissima terza moto Test senza le grafiche sulle carene:”La terza moto color carbonio non è quella del prossimo anno – dice Marc – aveva delle novità e non si tratta del motore. Non posso dire molto di questa moto, mi è piaciuta, anche se il tempo migliore lo ho fatto con quella usata in gara”. Nonostante sia ancora in cerca di una sella per il prossimo anno, Dani Pedrosa, ha svolto un grande lavoro durante il test per HRC, con la pista che cambiava di continuo e poteva portare facilmente fuori strada nel trovare soluzioni nuove. Dani ha provato la nuova gomma Michelin della quale era soddisfatto, con l’obiettivo di sfruttare meglio gli pneumatici per avere più percorrenza a centro curva. Se da una parte del box Honda c’è apprensione per il futuro di Dani, dall’altra c’è la realtà di un inarrestabile Marquez che anche in Catalunya non ha dovuto fare gli strordinari, raccogliendo i 20 punti necessari a farlo rimanere saldamente in testa alla classifica del motomondiale: “Lorenzo in gara era troppo forte – ha detto ancora Marquez – cadevano molti piloti, ho pensato a portare a casa i punti, non sono sicuro che la gomma dura sia stata la scelta giusta, ma il secondo posto era quello che mi aspettavo già delle prove libere. Era chiaro già dalla Qualifica che Lorenzo ne avrebbe avuto di più, e quando è cosi si sa che non puoi fare 23 giri dietro a Jorge perché finisci per cadere”.

Lo insegue a 27 punti Rossi:“ero preoccupato come molti per la gomma davanti in gara, ma alla fine è andata bene così, abbiamo fatto di necessità virtù perché per fortuna c’era qualche nuvola a far scendere le temperature che ci ha dato una mano, mi piacerebbe arrivare meglio di terzo anche considerando che è caduto Dovizioso, ma al momento questa è la situazione. L’obiettivo è vincere prima della fine dell’anno”.

(87)

Irene Saderini Negli ultimi anni è stata il volto femminile della MotoGP su Sky. Irene ha scritto la sua prima Prima Pagina a 23 anni sul Sole 24 Ore, in autunno d... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI