Il punto sul Mondiale F1 dopo il GP del Giappone

Il punto sul Mondiale F1 dopo il GP del Giappone

Il punto sul Mondiale F1 dopo il GP del Giappone

43
0

La Ferrari perde anche l’ultima chance di riprendere la scia della Mercedes per la corsa al Mondiale. Vettel si ritira dopo soli 4 giri per il guasto a una candela. Hamilton il gran premio del Giappone (quarta gara nelle ultime cinque) e ora è a +59 punti da rivale. La parola fine è ormai marchiata a fuoco e anche le quote SNAI inequivocabili.

ENNESIMO DISASTRO – È stato bello finché è durato. Ed è durato tanto visto che prima di SPA, ovvero 5 gran premi fa Vettel aveva 14 punti in classifica su Hamilton. Da lì in poi è stata un’ascesa dell’inglese e una discesa negli inferi per tutta la Ferrari. Due ritiri e un quarto posto per il tedesco; un ritiro, una mancata partenza e un quinto posto per Raikkonen mestamente quinto in generale. Numeri impietosi, guai e errori evitabilissimi. Un’epopea fantozziana che nessuno si sarebbe mai immaginato, vedendo la prima straordinaria parte di stagione.

LA GARA – Allarme nei box Ferrari già dal giro di ricognizione, con i tecnici che aprono e richiudono la monoposto di Vettel prima della partenza facendo presagire il peggio. Si parte e già al primo giro il tedesco, partito secondo, perde posizioni evidenziando scarsa potenza nel rettilineo. Dopo pochi giri il ritiro e il referto tecnico: tutta colpa della rottura di una “semplice” candela di accensione. Insomma guai davvero grossolani come quelli al sistema di compressione subiti dalla monoposto di Raikkonen in Malesia. Da lì in poi Hamilton sa di avere la gara in discesa anche se Verstappen lo mette alle strette più di una volta e non gli permette certo di rilassarsi. L’olandese chiuderà secondo con Ricciardo terzo, Bottas quarto e Raikkonen quinto. Fra due settimana a Austin, Texas, Hamilton avrà già il primo match point.

POST GARA AMARO – Decisamente sconfortato Sebastian Vettel, di poche parole nel post gara: “Non era la nostra giornata. Abbiamo avuto un piccolo problema che ne ha creato uno più grande. Mi ero accorto di avere scarsa potenza già in formazione. Non serve un genio in matematica per capire che adesso è dura”. Decisamente raggiante Hamilton che ormai sa di avere il Mondiale in tasca: “Potevo solo sognare di avere un vantaggio simile. La Ferrari è stato un avversario solido per tutto l’anno, posso solo togliermi il cappello davanti al mio team per il lavoro fantastico” ha dichiarato l’inglese ai cronisti.

Quote SNAI antepost vincente mondiale Formula 1: Hamilton 1,03; Vettel 15; Bottas 250.

Scopri tutte le quote dei motori su SNAI.it

(43)

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI