E il Milan rimontò

E il Milan rimontò

E il Milan rimontò

81
0

La 31esima giornata di campionato conserva i rapporti di forza, a partire dalla Juventus che, contro il Chievo ha disputato una partita “professionale”, amministrando le proprie energie in vista dell’importante quarto contro il Barcellona. Higuain ha mostrato di essere arrivato in piena forma nel momento più importante della stagione e Allegri può ritenersi soddisfatto sapendo di aver tenuto ancora una volta a distanza la Roma.
Bianconeri che SNAI quota a 1,08 per lo scudetto.
La Roma ha vinto come da pronostico, contro un Bologna che ha rivelato la sua fragilità e un’inconsistenza che Donadoni cerca di limitare da inizio stagione con accorgimenti tattici. I giallorossi, dopo l’eliminazione subita dalla Lazio, hanno ripreso la corsa per cercare di agganciare la Juve, come lo stesso Spalletti ha ricordato e ora viene quotata da SNAI a 10,00.
Resta in scia il Napoli che sbanca l’Olimpico grazie alle indecisioni difensive della Lazio e alla bravura dei suoi “piccoli” in attacco.
Dopo aver battuto, seppur inutilmente, la Juve in Coppa Italia, la squadra di Sarri ha chiuso definitivamente la porta ad altre pretendenti per il terzo posto utile ai preliminari di Champions League. Il secondo posto ora è una questione aperta con la Roma e per l’improbabile possibilità scudetto SNAI quota gli azzurri a 30,00.

Chi approfitta dell’improvviso arresto del treno per l’Europa League è il Milan che si è trovato, incredulo, ad approfittare dei contemporanei stop di Lazio, Atalanta e soprattutto Inter.
Il sorpasso ai danni dei cugini arriva in una giornata facile, grazie ad un poker rifilato al sempre più derelitto Palermo, il quale aspetta solo la matematica per la retrocessione.
Montella ha tutte le chance per andare in Europa League dalla porta principale, ora che ha recuperato molti infortunati e un derby per allungare definitivamente, eliminando l’Inter dalla corsa.
Il sesto posto è un premio ad un lavoro e ad un gruppo di giovani che finalmente, con tutti i limiti, costituiscono una squadra. Tutto questo nella settimana che, oltre al derby, porta al closing definitivo (scusate il rafforzativo). La pagina si sta per voltare e ci sono le basi per riportare finalmente in Europa i rossoneri dopo troppi anni di assenza.
Chiudiamo con l’Inter che è arrivata a Crotone e ha disputato una partita che ha rivelato la pochezza e l’inconsistenza del gruppo di giocatori nerazzurri. Sotto la guida di quattro allenatori hanno mostrato di non credere in alcun progetto e non sentirsi coinvolti in niente.
Dopo l’eliminazione in Europa League, in un girone con Southampton, Sparta Praga e Hapoel Beer Sheva, da cui ha subito una rimonta da 0-2 a 3-2, quella di Crotone è l’umiliazione più grande di questa stagione. La notizia è che nel giro di soli sei giorni da allenatore quasi certo della permanenza, Pioli ha bruciato le sue possibilità con due sconfitte gravissime e incomprensibili nell’atteggiamento.
In compenso il Crotone rianima la cadaverica corsa per non retrocedere, riavvicinando l’Empoli, capace di fare un solo punto con il Pescara ma di questo parleremo nel corso della settimana.

 

(Credits: La Presse)

(81)

Lapo De Carlo Giornalista, conduttore televisivo, radiofonico e direttore dell’emittente Radio Milan Inter è anche esperto di conduzione e comunicazione. Dalla... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI