Caro Sindaco, ti scrivo…

Caro Sindaco, ti scrivo…

Caro Sindaco, ti scrivo…

1.34K
0

Caro De Magistris,

mi tolgo subito la maschera senza ipocrisie: le scrivo da tifosa juventina. Ma sono anche una giornalista. Quindi le chiedo come mai, oggi più di altre giornate, un amministratore di buon senso diventa il tizzone che alimenta, contagia, e aizza antichi rancori e nuove polemiche.

Lei è il sindaco di una delle città più belle del nostro Paese. Anche una delle più ironiche, allegre. Un vanto, insomma. Che ci rende indulgenti un minuto dopo i numerosi sfottò, le bandiere del Barcellona il giorno dopo il sorteggio. Ma a poche ore da Napoli-Juventus, lei dovrebbe dimenticare di essere tifoso. Così come, difronte ai cori offensivi nei confronti dei napoletani, io mi svesto dei panni bianconeri e divento sportiva, italiana, corretta, e li rinnego.

Non vorrei aggiungermi al coro di critiche, ben riassunte da Giuseppe Cruciani, sulle sue dichiarazioni sul rapporto fra la Juventus e le organizzazioni criminali. Vale la pena essere obiettivi, quando si ricopre un ruolo credibile e ufficiale e non si è difronte un caffè al bar, con quattro amici.

Lei non è Cannavacciuolo, chef ironico e molto amato da estimatori del cibo, dai napoletani e dal pubblico italiano che lo segue a Masterchef, il quale si limita a dichiarare che non offrirebbe la cena a Higuain che, reo di aver tradito la sua squadra per la storica nemica, oggi sa già che nella migliore delle ipotesi sarà accolto con fischi, e pernacchie.

Perché scomodare Totò, per un “gordo”, un campione finito, un mercenario? Perché tanta attenzione?

Lei venera un suo mito, Maradona, che non avrà la fama di traditore (del Napoli), ma di certo non è fra i simboli più limpidi.

Critica il danno di un racconto a un solo binario, di Gomorra. Punta il dito senza prudenza sulla Juventus, su Higuain. Applaude e inneggia alle contestazioni contro Gonzalo.

E se quel fuoco su cui in tanti state soffiando, dovesse creare più danni che sorrisi, diventando sedizione, sarà pronto ad un “mea culpa”?

Con dubbia serenità ,

Francesca Barra

(1337)

Francesca Barra Francesca Barra, giornalista professionista, conduttrice tv e radiofonica. Ha scritto libri e inchieste di mafia per Rizzoli, condotto il programma su... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI