Juventus in maglia rosa, ci pensa Pharrell Williams

Juventus in maglia rosa, ci pensa Pharrell Williams

Juventus in maglia rosa, ci pensa Pharrell Williams

72
0

Torna la maglia rosa in casa Juventus. Non una celebrazione della storica divisa di inizio Novecento, né tantomeno una controversa rivoluzione dei colori societari, ma una partnership alquanto singolare con il cantante, producer e imprenditore Pharrell Williams.

L’eclettico artista, celebre ai più per il tormentone di “Happy”, ha infatti reinterpretato la maglia dei bianconeri ispirandosi alla divisa da trasferta utilizzata nella stagione 2015/16, con un bel po’ di licenze estetiche del tutto personali, come il vecchio logo societario e lo sponsor disegnato col pennarello con un tratto volutamente incerto, un po’ come farebbero dei bambini per riprodurre le casacche dei propri beneamini. La maglietta, la quarta ufficiale per il club guidato da Andrea Pirlo, si distingue, oltre che per la strana combinazione di stravaganza e palette cromatica, per un inusuale design dal colore sbavato e una fascia bianca al centro con una banda rosa più scuro, che nelle sue linee malferme si presta di certo a qualche levata di scudi, così come a un romantico spirito fanciullino che nel calcio dei grandi numeri sembra mancare del tutto.

Si tratta della prima uscita della collezione Adidas Humanrace, un progetto per il quale Pharrell presterà la sua inventiva anche per Real Madrid, Manchester United, Arsenal e Bayern Monaco. Un’iniziativa non nuova nel mondo del calcio, soprattutto per la Juve, che anche nella precedente stagione 2019-20 è stata protagonista di un match con indosso, per una volta soltanto, una particolare casacca a righe bianconere con sponsor e logo verde fosforescente, realizzata in collaborazione con Palace, marchio di streetwear londinese.
L’uscita ufficiale di questa nuova divisa è prevista nella sfida contro il Verona del 25 ottobre. Mentre c’è già chi pensa a chi quest’anno abbia proposto gli abbinamenti di colori peggiori per le proprie uniformi di gara, c’è da chiedersi cosa ne penseranno gli avversari, abbagliati da questa grafica fuori dagli schemi.

 

(Credits: Getty Images)

(72)

Marco Di Milia Giornalista e autore, pieno di polvere e dischi. Ha trascorso molto tempo in compagnia di uno splendido mangiadischi rosso portatile, ascoltando il su... VAI ALLA PAGINA AUTORE