David di Donatello, tutti i candidati!

David di Donatello, tutti i candidati!

David di Donatello, tutti i candidati!

253
0

La 65° edizione dei David di Donatello dopo il rinvio a causa dell’epidemia di Covid-19 si svolgerà domani sera. Come lo scorso anno, presenterà la serata degli “oscar” italiani Carlo Conti in diretta su Rai 1, ma senza la presenza del pubblico e senza red carpet. Sarà infatti una edizione che sfrutterà una location speciale dalla quale il presentatore si collegherà con i candidati in gara, ognuno nelle proprie abitazioni.

Sarà un modo particolarissimo per festeggiare la 65ª edizione dei David di Donatello – spiega Carlo Conti – Non avremo il pubblico né il red carpet ma una versione più tecnologica, che ci permetterà comunque di sottolineare l’importanza del settore del cinema, che speriamo possa riprendere al più presto per regalarci svago, sogni, emozioni e riflessioni”.

Per quanto riguarda il concorso troviamo diversi volti noti a contendersi le ambite statuette assegnate dalla giuria dell’Accademia del cinema italiano.

MIGLIOR FILM – Un’annata variegata e ricca di successi per il cinema italiano. In questa categoria il favorito assoluto a oggi rimane Il traditore di Marco Bellocchio (quota SNAI a 1,40), maggior successo al box office per il regista con un incasso di 4,8 milioni di euro. Il biopic su Tommaso Buscetta, affiliato di Cosa nostra e collaboratore di giustizia che innescò il maxi-processo di Palermo, ha catturato l’attenzione del pubblico anche a causa degli intrecci tra Stato e criminalità organizzata. A seguire troviamo Il primo Re di Matteo Rovere che riattraversa la storia della fondazione di Roma quotato da SNAI a 3. Leggermente distaccato Pinocchio di Garrone (15 milioni di euro al box office) quotato da SNAI a 5. Improbabile che il film del regista romano replicherà l’en plein dello scorso anno, quando conquistò con Dogman ben 8 statuette. Infine troviamo i due underdog della sezione, la rilettura del Martin Eden di Pietro Marcello e La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi, entrambi quotati a 12.

MIGLIOR ATTORE – In questa sezione troviamo alcuni degli attori più noti del cinema italiano. Cominciamo dicendo che Toni Servillo, già vincitore di 4 David, difficilmente riuscirà a spuntarla contro i suoi colleghi. La sfida principale sarà infatti tra Pierfrancesco Favino per Il traditore e Luca Marinelli, vincitore della Coppa Volpi a Venezia, per Martin Eden. Leggermente defilato Alessandro Borghi con la sua interpretazione di Remo ne Il primo Re. Francesco Di Leva, interprete di Antonio Barracane ne Il sindaco del rione Sanità, rifacimento della messa in scena teatrale di Eduardo De Filippo, potrebbe essere la sorpresa.

MIGLIOR ATTRICE – Forse la sezione più imprevedibile. Tra le favorite troviamo Valeria Bruni Tedeschi per I villeggianti e Valeria Golino per Tutto il mio folle amore, entrambe quotate da SNAI a 2,50.

MIGLIOR REGIA – In vantaggio ancora una volta Marco Bellocchio con Il traditore. Ma l’inaspettato potrebbe celarsi dietro l’angolo, con il produttore/autore Matteo Rovere (quotato da SNAI a 6,5) in grado con il suo Il primo re di ricreare gli albori della civiltà romana e confezionare un prodotto da far invidia a Hollywood, pur con risorse e mezzi inferiori.

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE – Da anni una delle sezioni più interessanti dei David, con registi (giovani e non) alle prese con il loro primo lungometraggio. Tra questi è da citare sicuramente l’interessante Sole di Carlo Sironi, molto apprezzato dalla critica durante il suo passaggio nella sezione Orizzonti della Mostra del Cinema di Venezia. Ma la vera sfida probabilmente vedrà contrapposti due film agli antipodi: da un lato il fumettista Igort con 5 è il numero perfetto, viaggio nella guapperia napoletana degli anni ’70 con diversi rimandi al noir senza disdegnare la black comedy (quotato da SNAI a 1,60); dall’altro lato invece troviamo Phaim Bhuiyan con Blanga, una commedia romantica e autobiografica che attraversa gli spazi del quartiere multietnico romano di Torpignatara a (quota SNAI a 2,65).

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA – Il Geppetto di Pinocchio potrebbe valere la nona statuetta per Roberto Benigni, al momento il favorito con quota SNAI a 1,72. Ma se dovessi scegliere, rischierei la puntata su Luigi Lo Cascio, interprete ne Il traditore del mafioso Salvatore Contorno e quotato da SNAI a 2,25. Una forbice larga separa gli altri nominati tra cui Stefano Accorsi per Il Campione e Carlo Buccirosso per 5 è il numero perfetto, improbabile una loro vittoria.

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTAValeria Golino potrebbe vincere contemporaneamente in due sezioni, risulta essere infatti la favorita per la statuetta come miglior attrice non protagonista grazie al film 5 è il numero perfetto quota SNAI a 2,50. A contenderle la vittoria c’è un’altra attrice napoletana, Tania Garribba molto convincente nei panni della sacerdotessa Satnei de Il Primo Re e quotata da SNAI a 2,75.

E secondo voi chi trionferà ai David di Donatello?

C’È ANCORA TANTO SPORT SU SNAI! VIVILO LIVE!

 

(Credits: Getty Images)

(253)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

LOGIN REGISTRATI