La notte dei Grammy

La notte dei Grammy

La notte dei Grammy

94
0

Le statuette a forma di grammofono del 2021 sono pronte per passare nelle mani dei lori prossimi destinatari. Questa sera, 14 marzo, infatti prenderà il via da Los Angeles la 63ª edizione dei Grammy Awards, gli Oscar della musica, in un gran galà di glamour e nomination presso il L.A. Convention Center, una novità rispetto a molte delle passate edizioni. Proprio come per la cerimonia degli ultimi Golden Globe, la scaletta di questa annata è stata adattata per stare al passo con i tempi pandemici che corrono, combinando performance dal vivo e collegamenti da remoto, guidati dal re dei talk show americani Trevor Noah in linea dalla Città degli Angeli.

In pima battuta l’assegnazione dei premi – tra i più celebri e prestigiosi riconoscimenti in ambito musicale al mondo – era prevista, come di consueto, allo Staples Center lo scorso 13 gennaio, ma a causa della situazione alquanto problematica negli States, l’evento è stato riprogrammato e riformulato per tenere comunque banco in un periodo del tutto disastroso per la musica e gli eventi dal vivo.

La prima parte dello show, disponibile solo in diretta streaming sul sito ufficiale www.grammy.com e sul relativo canale YouTube, prevede l’assegnazione di gran parte dei trofei previsti dalla Recording Company Academy per il 2021. La seconda invece, con una copertura televisiva a pagamento in esclusiva per CBS e destinata solamente al pubblico statunitense, proporrà le attese esibizioni delle star internazionali.

Così, insieme al rituale del red carpet, unica concessione di regolare mondanità in un’edizione del tutto particolare, arriverà una parata di stelle e le premiazioni delle categorie più desiderate, come – tra le altre – quelle per “Record of the Year”, “Album of the Year” e, naturalmente, “Song of the Year” che saranno concessi al pubblico mondiale attraverso frammenti e screenshot delle celebrazioni sulle pagine indicate. Il clima però è tutt’altro che disteso, non solo per quanto accade a livello globale, ma anche per gli attacchi rivolti alla stessa Academy da diversi artisti, tra i quali Zayn Malik, ex One Direction, lasciatosi andare a un ironico: “Finché non si va lì a stringere mani e fare regali, per le nomination non si viene considerati. L’anno prossimo gli manderò un cestino di dolci”. The Weeknd poi, forte della sua posizione di primo piano nello star system dopo la recente esibizione all’Halftime Show dello scorso Super Bowl, ha rincarato la dose criticando apertamente la manifestazione per l’assenza del suo nome dalla rosa degli aspiranti vincitori. In una dichiarazione rilasciata al “New York Times” il musicista canadese ha infatti affermato che non permetterà mai più alla sua etichetta, la Republic, sussidiaria del gruppo Universal Music, di sottoporre i suoi album alla giuria che regola le candidature ai Grammy.

Ad ogni modo lo spettacolo sembra procedere spedito, rimandando non solo al mittente ogni tipo di accusa, ma annunciando anche che ad aprire l’edizione 2021 sarà Harry Styles, altro ex golden boy dei One Direction, galvanizzato dal successo del suo ultimo album solista, “Fine line”. Esibizioni previste, poi, per Taylor Swift che ricomporrà sul palco dei Grammy la squadra di “Folklore” e “Evermore”, i suoi due recenti dischi in studio registrati durante il lockdown, così come per Billie Eilish, Brandi Carlile, Dua Lipa, BTS, Cardi B e Post Malone. Al momento a tenere banco tra nomination in gran parte in rosa, è Beyoncé, con ben 9, ma di certo si faranno sentire anche le 6 ricevute dalla Swift e le 4, tutte inedite, per l’acclamatissima Phoebe Bridgers, tra cui “Alternative Music Album” e “Best Rock Song”. Ancora, Lady Gaga ha ricevuto una candidatura per il “Best Pop Vocal Album” con il suo “Chromatica” e un’altra per il duetto con Ariana Grande in “Rain on me”.

Così, dalla mezzanotte – ora italiana – la grande notte dei Grammy, tra giovani promesse e venerabili maestri, ma anche rivalità, performance e un paio di attacchi, alzerà ancora una volta il suo sipario, per fare il punto su un’annata in musica sì difficile, ma anche davvero carica di grandi emozioni.

Qui in lista, tutte le principali nomination dei Grammy 2021:

Record of the Year

• Beyoncé – “Black parade”
• Black Pumas – “Colors “
• DaBaby ft. Roddy Ricch – “Rockstar”
• Doja Cat – “Say So”
• Billie Eilish – “Everything I Wanted”
• Dua Lipa – “Don’t Start Now”
• Post Malone – “Circles”
• Megan Thee Stallion ft. Beyoncé – “Savage”

Canzone dell’anno (Song of the Year)

• Beyoncé – “Black Parade”
• Roddy Ricch – “The Box”
• Taylor Swift – “Cardigan”
• Post Malone – “Circles”
• Dua Lipa – “Don’t Start Now”
• Billie Eilish – “Everything I Wanted”
• H.E.R. – “Can’t Breathe”
• JP Saxe ft. Julia Michaels – “If the World Was Ending”

Album dell’anno (Album of the Year)

• Jhené Aiko – “Chilombo”
• Black Pumas – “Black Pumas”
• Coldplay – “Everyday Life”
• Jacob Collier – “Djesse Vol. 3”
• Haim – “Women in Music Pt. III”
• Dua Lipa – “Future Nostalgia”
• Post Malone – “Hollywood’s Bleeding”
• Taylor Swift – “Folklore”

Miglior nuovo artista (Best New Artist)

• Ingrid Andress
• Phoebe Bridgers
• Noah Cyrus
• Chika
• D Smoke
• Doja Cat
• Kaytranada
• Megan Thee Stallion

Pop
Miglior interpretazione pop solista (Best Pop Solo Performance)

• Justin Bieber – “Yummy”
• Doja Cat – “Say So”
• Billie Eilish – “Everything I Wanted”
• Dua Lipa – “Don’t Start Now”
• Harry Styles – “Watermelon Sugar”
• Taylor Swift – “Cardigan”

Miglior interpretazione pop in un duo o in un gruppo (Best Pop Duo/Group Performance)

• J Balvin, Dua Lipa, Bad Bunny & Tainy – “Un día (One Day)”
• Justin Bieber ft. Quavo – “Intentions”
• BTS – “Dynamite”
• Lady Gaga & Ariana Grande – “Rain on Me”
• Taylor Swift ft. Bon Iver – “Exile”

Miglior album pop vocale (Best Pop Vocal Album)

• Justin Bieber – “Changes”
• Lady Gaga – “Chromatica”
• Dua Lipa – “Future Nostalgia”
• Harry Styles – “Fine Line”
• Taylor Swift – “Folklore”

Miglior album pop tradizionale (Best Traditional Pop Vocal Album)

• Daniel Tashian (& Burt Bacharach) – “Blue Umbrella”
• Harry Connick Jr. – “True Love: A Celebration of Cole Porter”
• James Taylor – “American Standard”
• Rufus Wainwright – “Unfollow the Rules”
• Renée Zellweger – “Judy”

Rock
Miglior interpretazione rock (Best Rock Performance)

• Haim – “The Steps”
• Brittany Howard – “Stay High”
• Big Thief – “Not”
• Fiona Apple – “Shameika”
• Phoebe Bridgers – “Kyoto”

Miglior interpretazione metal (Best Metal Performance)

• Body Count – “Bum-Rush”
• Code Orange – “Underneath”
• In This Moment – “The In-Between”
• Poppy – “Bloodmoney”
• Power Trip – “Executioner’s Tax (Swing of the Axe)”

Miglior canzone rock (Best Rock Song)

• Phoebe Bridgers – “Kyoto”
• Tame Impala – “Lost in Yesterday”
• Big Thief – “Not”
• Fiona Apple – “Shameika”
• Brittany Howard – “Stay High”

Miglior album rock (Best Rock Album)

• Fontaines D.C. – “A Hero’s Death”
• Michael Kiwanuka – “Kiwanuka”
• Grace Potter – “Daylight”
• Sturgill Simpson – “Sound & Fury”
• The Strokes – “The New Abnormal”

Alternative
Miglior album di musica alternativa (Best Alternative Music Album)

• Fiona Apple – “Fetch the Bolt Cutters”
• Beck – “Hyperspace”
• Phoebe Bridgers – “Punisher”
• Brittany Howard – “Jaime”
• Tame Impala – “The Slow Rush”

American Roots
Miglior album folk-americana (Best Americana Album)

• Courtney Marie Andrews – “Old Flowers”
• Hiss Golden Messenger – “Terms of Surrender”
• Sarah Jarosz – “World On The Ground”
• Marcus King – “El Dorado”
• Lucinda Williams – “Good Souls Better Angels”

Miglior album blues contemporaneo (Best Contemporary Blues Album)

• Fantastic Negrito – “Have You Lost Your Mind Yet?”
• Ruthie Foster Big Band – “Live at the Paramount”
• G. Love – “The Juice”
• Bettye LaVette – “Blackbirds”
• North Mississippi Allstars – “Up and Rolling”

R&B
Miglior interpretazione R&B (Best R&B Performance)

• Jhené Aiko ft. John Legend – “Lightning & Thunder”
• Beyoncé – “Black Parade”
• Jacob Collier ft. Mahalia & Ty Dolla Sign – “All I Need”
• Brittany Howard – “Goat Head”
• Emily King – “See Me”

Miglior canzone R&B (Best R&B Song)

• Robert Glasper ft. H.E.R. & Meshell Ndegeocello – “Better Than I Imagine”
• Beyoncé – “Black Parade”
• Tiana Major9 & EARTHGANG – “Collide”
• Chloe x Halle – “Do It”
• Skip Marley & H.E.R. – “Slow Down”

Miglior album R&B (Best R&B Album)

• Ant Clemons – “Happy 2 Be Here”
• Giveon – “Take Time”
• Luke James – “To Feel Love/D”
• John Legend – “Bigger Love”
• Gregory Porter – “All Rise”

Dance/Elettronica
Miglior registrazione dance (Best Dance Recording)

• Diplo & Sidepiece – “On My Mind”
• Disclosure, Aminé & Slowthai – “My High”
• Flume ft. Toro y Moi – “The Difference”
• Jayda G – “Both of Us”
• Kaytranada ft. Kali Uchis – “10%”

Miglior album dance/elettronico (Best Dance/Electonic Album)

• Arca – “Kick I”
• Disclosure – “Energy”
• Baauer – “Planet’s Mad”
• Kaytranada – “Bubba”
• Madeon – “Good Faith”

Rap
Miglior interpretazione rap (Best Rap Performance)

• Big Sean ft. Nipsey Hussle – “Deep Reverence”
• DaBaby – “Bop”
• Jack Harlow -“Whats Poppin”
• Lil Baby – “The Bigger Picture”
• Pop Smoke – “Dior”

Miglior interpretazione rap melodica (Best Melodic Rap Performance)

• DaBaby ft. Roddy Ricch – “Rockstar”
• Drake ft. Lil Durk – “Laugh Now Cry Later”
• Anderson Paak – “Lockdown”
• Roddy Ricch – “The Box”
• Travis Scott – “Highest in the Room”

Miglior canzone rap (Best Rap Song)

• Lil Baby – “The Bigger Picture”
• Roddy Ricch – “The Box”
• Drake ft. Lil Durk¬ – “Laugh Now Cry Later”
• DaBaby ft. Roddy Ricch – “Rockstar”
• Megan Thee Stallion ft. Beyoncé – “Savage”

Musica per arti visive
Miglior compilation colonna sonora (Best Compilation Soundtrack for Visual Media)

• Various – “A Beautiful Day in the Neighborhood”
• Various – “Bill & Ted Face the Music”
• Various – “Eurovision Song Contest – The Story Of Fire Saga”
• Various – “Frozen II”
• Various – “Jojo Rabbit”

Miglior colonna sonora (Best Score Soundtrack for Visual Media)

• Max Richter – “Ad Astra”
• Kamasi Washington – “Becoming”
• Hildur Guðnadóttir – “Joker”
• Thomas Newman – “1917”
• John Williams – “Star Wars: Rise Of Skywalker”

Miglior canzone per arti visive (Best Song Written for Visual Media)

• Taylor Swift “Beautiful Ghosts” (da “Cats”)
• Brandi Carlile – “Carried Me with You” (da “Onward – Oltre la magia”)
• Idina Menzel ft. Aurora “Into the Unknown” (da “Frozen II”)
• Billie Eilish – “No Time to Die” (da “No Time to Die”)
• Cynthia Erivo – “Stand Up” (da “Harriet”)

 
(Credits: Getty Images)

(94)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE