COPPA DAVIS: OGGI IN CAMPO GLI AZZURRI. LA SFIDA CON GLI STATI UNITI DALLE 10

COPPA DAVIS: OGGI IN CAMPO GLI AZZURRI. LA SFIDA CON GLI STATI UNITI DALLE 10

COPPA DAVIS: OGGI IN CAMPO GLI AZZURRI. LA SFIDA CON GLI STATI UNITI DALLE 10

516
0

Giornata di Coppa Davis che si prospetta molto lunga, quella in programma al Palacio de Deportes José María Martín Carpena di Malaga. Si parte alle 10 del mattino con il terzo quarto di finale, Italia – Stati Uniti, quello che più attendevamo e che, proprio come Spagna – Croazia disputatosi ieri (l’hanno spuntata i croati), pare molto difficile da leggere e pronosticare. La squadra di Filippo Volandri, fino a poche settimane fa tra le favorite per la vittoria finale, non arriva nella migliore delle condizioni. Il 12 novembre è arrivata la prima tegola, la rinuncia di Jannik Sinner alle prese con un infortunio, l’ennesimo dell’anno, questa volta a un dito della mano destra. Poi è toccato a Matteo Berrettini. Ci ha provato il tennista romano, fino all’ultimo, ma il problema al piede che l’ha tenuto fermo dopo il torneo di Napoli non è ancora risolto. Matteo è a Malaga, si è anche allenato con Volandri, ma, per ora, salvo miracoli dell’ultimo secondo, non gli resta che tifare per i compagni dalla panchina.

 

ITALIA-STATI UNITI, I PRECEDENTI
Senza le nostre punte di diamante, tocca a Lorenzo Musetti e Lorenzo Sonego portare in alto il Tricolore, mentre nel doppio ritroviamo Fabio Fognini e Simone Bolelli. Dall’altra parte della rete, Mardy Fish si affida a una squadra di tutto rispetto che vanta Taylor Fritz, semifinalista sabato scorso alle Finals di Torino, Frances Tiafoe, uno che nell’atmosfera calda della Davis può senza dubbio esaltarsi, Tommy Paul e Jack Sock.
Le due squadre hanno una lunga storia, iniziata nel lontano 1928 quando la Coppa Davis era ancora l’International Lawn Tennis Challenge. In tutto si sono incontrate 12 volte, 8 vittorie per gli americani, 4 per noi. Una sfida sicuramente passata alla storia fu quella del 1979, in campo c’erano delle vere leggende: Vitas Gerulaitis, John McEnroe, Corrado Barazzuti, Adriano Panatta e Paolo Bertolucci. L’ultima è di circa 12 mesi fa, al Pala Alpitour di Torino, nella fase a gironi, con l’Italia che è riuscita a imporsi per 2-1 grazie alle vittorie di Sonego su Opelka e Sinner su Isner.
Se non ci saranno cambiamenti dell’ultimo minuto, la partita di apertura sarà affidata a Lorenzo Sonego e Frances Tiafoe, tra i due solo un precedente, vinto dallo statunitense al recente 1000 di Parigi. A seguire la sfida tra Lorenzo Musetti e Taylor Fritz, anche in questo caso solo un precedente, sei mesi fa a Wimbledon vinto facile in 3 set dallo statunitense.

 

L’ULTIMO QUARTO: GERMANIA – CANADA
Alle 16, salvo prolungarsi del quarto dell’Italia, scenderanno in campo Germania e Canada, che andranno a concludere il quadro delle semifinali. Le due squadre si sono incontrate tre volte nell’ATP Cup, guidano i nordamericani per 2-1. In Coppa Davis è il primo confronto. Oggi per i tedeschi sarà una missione davvero impossibile. Manca Sasha Zverev e non si vede come i suoi compagni (Oscar Otte, Yannick Hanfmann, Jan-Lennard Struff, Tim Puetz e Kevin Krawietz) possano reggere l’onda d’urto dei canadesi, forse i favoriti alla vittoria finale e detentori dell’ATP Cup. Capitano Frank Dancevic si affiderà a Felix Auger-Aliassime, Denis Shapovalov, Vasek Pospisil, Alexis Galarneau e Gabriel Diallo. Con ogni probabilità non ci sarà bisogno di arrivare al doppio.

 

(Credits: Getty Images)

(516)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE