COPPA DAVIS, VIA ALLE SEMIFINALI CON SERBIA-CROAZIA

COPPA DAVIS, VIA ALLE SEMIFINALI CON SERBIA-CROAZIA

COPPA DAVIS, VIA ALLE SEMIFINALI CON SERBIA-CROAZIA

295
0

La Coppa Davis si accende con una sfida epocale: la prima semifinale, in programma alla Caja Magica di Madrid a partire dalle ore 16, è Serbia contro Croazia, un duello che va ben oltre il tennis e che, possiamo esserne certi, catalizzerà l’attenzione dei media e dei tifosi di entrambi i Paesi. La guerra che causò migliaia di morti per fortuna è lontana vent’anni nel tempo, ma la rivalità tra i due popoli è ancora molto forte.

SERBIA-CROAZIA, DJOKOVIC CERCA LA TERZA FINALE

La Serbia si aggrappa alla superiorità di Novak Djokovic, anche se la nuova formula, che dà al numero uno del ranking la possibilità di giocare un solo singolare, potrebbe rivelarsi una trappola per sua squadra. Nole è chiaramente il favorito nel proprio match: salvo colpi di scena, affronterà Marin Cilic, che in questo torneo ha perso due partite su tre (l’ultima contro Sinner) e che nei precedenti è sotto 17-2 con gli unici successi che risalgono ai quarti di Parigi-Bercy 2016 e alla finale del Queen’s del 2018. Ma se si arriverà al doppio, Djokovic sarà costretto a un vero e proprio miracolo insieme al compagno Nikola Cacic, dovendo sfidare la coppia più forte del mondo composta da Nikola Mektic e Mate Pavic, campioni olimpici e vincitori a Wimbledon. Il suo obiettivo, ovviamente, è la terza finale: le altre due sono arrivate nel 2010, con il trionfo contro la Francia, e nel 2013, persa contro la Repubblica Ceca.

SERBIA-CROAZIA, GOJO-LAJOVIC SFIDA CHIAVE

I fari sono tutti su Djokovic, ma il duello chiave della semifinale tra Croazia e Serbia in realtà potrebbe essere quello tra Borna Gojo e Dusan Lajovic, che non si sono mai affrontati in carriera. Gojo è il numero 279 del ranking, ma in questo torneo ha già realizzato due imprese, battendo l’australiano Popyrin e l’azzurro Sonego. Lajovic ha giocato solo una partita, alla prima giornata, superando in tre set l’austriaco Melzer, poi è stato sostituito nelle altre due partite da Krajinovic e Kecmanovic, ma entrambi non hanno sfruttato la propria chance, così quasi certamente toccherà di nuovo al numero 33 del mondo che quest’anno ha collezionato molte più sconfitte che vittorie, non centrando mai neppure le semifinali di un torneo. Forte, come detto, di un doppio stellare, la Croazia, campione nel 2018 nell’ultimo anno con la vecchia formula, confida così nel colpaccio di Gojo, un ragazzo di 23 anni che di solito gioca i Challenger e non i tornei del circuito Atp, Major esclusi. E che spera di riportare in finale il proprio Paese.

(Credits: Getty Image)

(295)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE