WTA MADRID BRONZETTI-MARTIC: DALLA ROMAGNA CON FURORE, LUCIA VUOLE MADRID

WTA MADRID BRONZETTI-MARTIC: DALLA ROMAGNA CON FURORE, LUCIA VUOLE MADRID

WTA MADRID BRONZETTI-MARTIC: DALLA ROMAGNA CON FURORE, LUCIA VUOLE MADRID

234
0

A primavera è sbocciata Lucia Bronzetti. Che ormai non può davvero più nascondersi dietro alle solite frasi di circostanza: con il titolo conquistato a Chiasso, primo torneo ITF 60 messo in bacheca dalla 22enne tennista di Villa Verucchio (provincia riminese) pensare a lei come una outsider è fin troppo riduttivo.

Perché Lucia sta crescendo in fretta e ha voglia di regalarsi altre belle soddisfazioni nel mare magnum della stagione europea sulla terra rossa, che numeri alla mano è la sua superficie preferita (anche se sa difendersi bene anche sul cemento) e che proprio oggi la vede impegnata nelle qualificazioni del Masters 1000 di Madrid, appuntamento al quale la romagnola non intende affatto mancare.

Anche perché è l’ultimo prima del clou della sua stagione primaverile, con l’organizzazione degli Internazionali d’Italia che gli ha concesso una wild card, inserendola direttamente nel main draw del torneo capitolino. Un premio a quanto fatto vedere negli ultimi mesi dalla giovane tennista azzurra, salita fino alla posizione numero 80 nel ranking WTA e attesa dal confronto con la croata Petra Martic, tornata lentamente in auge dopo anni non facili, ma capace in passato di raggiungere la top 15 mondiale.

UN 2022 IN ASCESA, IMPREZIOSITO DAL TRIONFO DI CHIASSO

Giusto un mese fa a Miami, battendo Alja Tomjanovic (all’epoca numero 39 al mondo), la Bronzetti ha fatto capire di essere davvero sulla via giusta e di saper competere anche contro avversarie sulla carta notevolmente più forti. L’ascesa della romagnola nell’ultimo anno è stata però impetuosa: dodici mesi fa gironzolava intorno alla posizione numero 300 in ranking, poi in estate ha letteralmente cambiato marcia, grazie anche agli ottimi risultati ottenuti nel tornei 250 di Losanna e Palermo, dove ha raggiunto in entrambi i casi i quarti di finale mettendo però un buon numero di punti in cascina, e replicando il tutto a ottobre a Portorose, in Croazia.

A furia di guadagnare posizioni Lucia s’è presentata alle porte della top 100 mondiale, sconfinando oltre grazie alla partecipazione agli Australian Open (dopo aver vinto 3 turni di qualificazione ed aver esordito con una vittoria al primo turno contro Varvara Gravecha, nel secondo turno sé fermata solo al cospetto della Barty, futura vincitrice del primo slam della stagione) e poi confermandosi su buoni livelli a Guadalajara e Monterrey.

La partenza della stagione sul rosso ha rappresentato il vero punto di svolta: anziché partecipare a Montecarlo, la Bronzetti ha preferito ripartire da Chiasso, dove è tornata a vincere un torneo guadagnandosi i punti necessari per arrivare la terza giocatrice italiana del ranking, dietro a Giorgi e Paolini e appena davanti a Martina Trevisan.

OCCHIO ALLA MARTIC, CHE HA ESPERIENZA DA VENDERE

La Martic è atleta di spessore ed esperienza, mai affrontata prima d’ora dalla tennista romagnola, soprattutto assai a suo agio sulla terra. Prova ne è che la settimana scorsa, nel corso del round robin di Billie Jean King Cup, ha vinto tre delle 4 gare disputate con la nazionale croata, superando poi il primo turno nel 250 di Istanbul battendo l’ucraina Kalinina, che in classifica la sopravanzava di una trentina di posizioni. Martic è reduce da una bella primavera americana dove ha centrato i quarti di finale a Indian Wells, battuta dalla Halep, e ha fatto capire di essere sulla strada giusta per risalire ulteriormente il ranking mondiale.

Insomma, per la Bronzetti forse la sfida decisiva per accedere al main draw di Madrid non è delle più semplici, ma il buon debutto nel tabellone delle qualificazioni contro la spagnola Carlota Martinez Cirez (numero 441 al mondo) ha lasciato in eredità sensazioni più che positive alla riminese, che vuol spingersi oltre e fare un altro scalpo importante nel suo percorso stagionale di crescita.

Dopo la vittoria nella finale di Chiasso, dove ha superato la beniamina di casa Simona Waltert in tre set (2-6 6-3 6-3), Lucia ha fatto capire di avere le idee piuttosto chiare su come voler affrontare il futuro a breve scadenza:

Sono felice di essere tornata a vincere un torneo, perché dopo un anno sentivo che c’era bisogno di fare di nuovo festa. È stato un periodo intenso, non posso dire di essere al meglio della condizione perché ho qualche piccolo acciacco, ma voglio godermi il momento e puntare forte sui due tornei di Madrid e Roma, dove sapere di essere stata già inserita nel tabellone principale mi rende davvero felice. Madrid però è un passaggio fondamentale e farò di tutto per riuscire a qualificarmi e fare quanta più strada.

Bronzetti-Martic scenderanno in campo intorno alle 15,30, senza copertura televisiva in Italia.

(Credits: Getty Images)

(234)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE