Roland Garros | Nadal e Djokovic arriveranno indenni alle semifinali?

Roland Garros | Nadal e Djokovic arriveranno indenni alle semifinali?

Roland Garros | Nadal e Djokovic arriveranno indenni alle semifinali?

222
0

Dopo la preview sui quarti di finale del Roland Garros, scaviamo ancora tra i dati analizzando i due match in programma oggi. Nella giornata di ieri nessuna sorpresa, con Tsisipas che ha eliminato Medvedev in tre set (di cui due tirati fino al tie-break) e Zverev che ha passeggiato su Davidovich Fokina. Nadal e Djokovic in caso di passaggio del turno si ritroverebbero in semifinale, ma prima dovranno affrontare rispettivamente Schwartzman e l’ultimo azzurro rimasto in gara Matteo Berrettini.

 

SCHWARTZMAN – NADAL
In tre incontri con Jannik Sinner, Rafa Nadal è partito lentamente per poi imporre il suo dominio sul gioco conquistando il match senza perdere set. Lo spagnolo ha alzato considerevolmente il proprio livello dopo il primo set, perdendo solo tre game durante il resto della partita. Basterebbe questo andamento per dimostrare perché affrontarlo sulla terra parigina è impresa ardua per chiunque. Il 13 volte campione del Roland Garros non perde un set all’Open di Francia da quando sconfisse Dominic Thiem in quattro set nella finale dell’edizione 2019. Andando a scandagliare i dati dell’ultimo decennio emerge come il maiorchino abbia perso solo tre set in questo torneo dal 2015, annus horribilis poiché venne superato da Novak Djokovic ai quarti di finale di quell’edizione. Per riassumere, Nadal ha collezionato 101 set e ne ha persi tre sulla terra parigina negli ultimi sei anni. Nella sua lunga e fantastica carriera, ha subito solo nove sconfitte ai quarti di finale degli slam e due di questi stop sono arrivati dall’inizio della stagione 2020: contro Dominic Thiem e Stefanos Tsitsipas agli Australian Open, rispettivamente nel 2020 e nel 2021.

Il n.10 al mondo Diego Schwartzman era a secco di vittorie da quattro partite prima di arrivare al Roland Garros, ma in questo momento non è neanche lontanamente al suo meglio. Tuttavia, molte cose sono andate per il verso giusto e ne ha approfittato raggiungendo i quarti senza perdere neanche un set. L’argentino ha interrotto la sequenza di tre sconfitte consecutive nella scorsa edizione degli Open di Francia, quando riuscì a superare in cinque set Dominic Thiem, prima di affrontare in semifinale proprio Nadal.

 

DJOKOVIC – BERRETTINI
La gara di Novak Djokovic nell’ottavo di finale non è stata passeggiata di salute. Lorenzo Musetti ha infatti vinto i primi due set ai tie-break, prima di crollare fisicamente e ritirarsi. Tuttavia, il n.1 al mondo è sembrato un giocatore diverso dall’inizio del terzo set, aggirando anche un problema al dito destro in seguito a una caduta. Musetti è comunque uscito tra gli applausi, compresi quelli di Djokovic che a fine match ha dichiarato: “Mi piace giocare contro avversari giovani al meglio dei cinque set perché anche con due set di svantaggio, sento di avere ancora le mie possibilità. Ho vinto la maggior parte delle partite in cinque set, e l’esperienza aiuta”. Prima della vittoria contro Lorenzo Musetti, il serbo aveva recuperato quattro volte da uno svantaggio di due set a zero agli slam, ed è riuscito a vincere il titolo in due di quei tornei, agli US Open 2011 ed a Wimbledon 2015. L’unica vittoria di questo tipo (in cinque set in rimonta) del 34enne Novak Djokovic al Roland Garros è arrivata anch’essa contro un avversario italiano (Andreas Seppi) agli ottavi di finale del 2012, quando aveva battuto Tsonga e Federer prima di perdere in quattro set la finale contro… indovinate chi? Si, Rafael Nadal. Detto questo, quella con Musetti è stata l’ennesima prestazione poco convincente da parte di Djoker sulla terra battuta in questa stagione. Ha già subìto tre sconfitte su questa superficie contro Dan Evans, Aslan Karatsev e Rafael Nadal, perdendo set contro Lorenzo Sonego, Andrej Martin e Stefanos Tsitsipas.

Tutto spinge a pensare che la gara contro Berrettini non sia poi così scontata in favore del serbo, sebbene gli analisti prevedono per quest’ultimo il passaggio del turno. Come ormai sappiamo, Matteo Berrettini, che nell’ultimo slam agli Australian Open è uscito agli ottavi, ha passato il turno a causa del ritiro di Roger Federer. Ottenendo tre vittorie comode contro giocatori classificati fuori dalla top 90 negli ultimi giorni, il n.1 italiano è diventato solo il sesto giocatore azzurro a raggiungere i quarti di finale dell’Open di Francia dal 1980 in poi. Jannik Sinner raggiunse i quarti nell’edizione 2020, ma non riuscì a passare il turno contro… indovinate chi? Si, Rafael Nadal. L’unica presenza precedente ad un quarto di finale di slam da parte del campione in carica dell’ATP di Belgrado e secondo classificato ai Masters di Madrid è arrivata agli US Open nel 2019 quando ha superò Gael Monfils in cinque set. Berrettini, sfruttando al massimo il suo servizio, può forzare i set ai tie-break ed anche strappare uno o due set. Riuscirà a impensierire il numero 1 al mondo?

 

 

(Credits: Getty Images)

(222)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE