Sinner, i prossimi obiettivi: a Madrid in preparazione di Roma

Sinner, i prossimi obiettivi: a Madrid in preparazione di Roma

Sinner, i prossimi obiettivi: a Madrid in preparazione di Roma

10
0

Il post-Montecarlo è di quelli di difficile digestione. L’obiettivo iniziale di Sinner, però, è stato rispettato: raggiungere la semifinale e mantenere il secondo posto mondiale. Qualcosa in più sarebbe stato un oltre. D’altronde non si può vincere sempre e il golden boy di Sesto Pusteria ci ha abituati fin troppo bene.

La sconfitta con Tsitsipas, però, lascia scorie fisiche e mentali non indifferenti. L’importante sarà lavorare sugli errori e sulle difficoltà. La prossima tappa di una stagione finora indimenticabile sarà la capitale spagnola. A Madrid, Sinner non difenderà punti, in quanto assente la scorsa stagione. Insomma, sarà tutto un di più che fa bene alla classifica e all’esperienza.

IL DAY-AFTER ANCORA FA MALE: SINNER CADE CON TSITSIPAS

Una partita complessa, tatticamente e mentalmente, quella che ha dovuto affrontare Sinner nel Principato di Monaco. Contro Tsitsipas, l’altoatesino ha dovuto fronteggiare la migliore versione del greco, che a suon di vincenti mina le certezze del numero due al mondo. Sinner è fenomenale a reggere il ritmo, la pressione e la tensione della gara. Un errore dell’arbitro, che non chiama un nettissimo doppio fallo di Tsitsipas, può aver inficiato la partita, ma la sensazione è stata a favore del greco e della sua aggressività con il diritto.

Il win/loss però è ancora una roba fuori dal mondo. 25 vittorie e 2 sconfitte, entrambe in semifinale 1000. L’italiano non è ancora finito fuori dal quarto posto di un torneo quest’anno. A Madrid, l’azzurro, insieme al suo team, cercherà di migliorare ancora di più questo record, aggiungendo ulteriore farina al sacco della classifica mondiale.

SINNER A MADRID: PREPARAZIONE IN VISTA DI ROMA?

Il secondo Master 1000 sulla terra rossa si giocherà a Madrid. Nella capitale spagnola, Sinner avrà modo di prepararsi (fisicamente, mentalmente e tatticamente) ai tre impegni più importanti della stagione europea. Gli Internazionali di Roma, il Roland Garros, le Olimpiadi. Quelli che vanno da maggio a luglio saranno mesi di grande importanza per la carriera del fenomeno italiano.

Ipotizzare di vincere tutti e tre i tornei è utopico. Ma sperarci fa bene alla salute. Anche perché la sensazione rimane quella di un Sinner più forte degli altri, al netto di una condizione fisica ottimale. A Roma, però, un italiano non vince da Adriano Panatta nel 1976, stesso dicasi per lo Slam parigino. Inutile dire, invece, che nessun italiano ha mai vinto l’oro nel tennis.

(Credits: Getty Images)

(10)

Redazione Redazione SNAI Sportnews... VAI ALLA PAGINA AUTORE