Tennis | Roland Garros, a un passo dal quarto turno

Tennis | Roland Garros, a un passo dal quarto turno

Tennis | Roland Garros, a un passo dal quarto turno

298
0

Siamo entrati nella fase calda del Roland Garros, secondo slam stagionale di tennis, con tutti i principali campioni ancora in gioco. Oggi in campo Nadal, Djokovic e Federer che se la vedranno rispettivamente contro Norrie, Berankis e Koepfer. Gli azzurri non sono stati molto fortunati nel sorteggio e dopo l’eliminazione di Fabio Fognini restano in gara Berrettini, Sinner, Cecchinato e Musetti. Quest’ultimi incroceranno le racchette in un derby italiano tutto da vivere.

 

FEDERER – KOEPFER
King Roger ha battuto nel turno precedente Cilic con un 6-2, 2-6, 7-6 (4), 6-2. Pur sembrando a suo agio sulla terra rossa il 39enne ha avuto una lunga discussione con l’arbitro a metà del secondo set, episodio che ha influenzato il suo gioco per un breve periodo. Ma Federer ha avuto abbastanza sangue freddo da spazzare via l’incidente prima di riprendere il dominio sul servizio. Il tennista svizzero ha messo a segno 47 colpi vincenti contro i 43 di Cilic, commettendo 17 errori non forzati in meno rispetto al croato. Federer però è stato anche un po’ sprecone, poiché ha convertito solo cinque delle 16 palle break ottenute.

Dominic Koepfer ha battuto Taylor Fritz (6-3, 6-2, 3-6, 6-4), raggiungendo questa fase del Roland Garros per la prima volta in carriera. Il tedesco ha annullato con successo il servizio di Fritz e si è ricucito 17 opportunità di break point, convertendone sette. Tuttavia, il 27enne ha commesso 53 errori non forzati, un numero da ridurre drasticamente per sopravvivere nel match contro Federer. Koepfer è il primo specialista della terra battuta che lo svizzero incrocerà agli Open di Francia. Il tedesco probabilmente testerà le gambe dell’avversario, qualcosa che Istomin e Cilic non hanno fatto con sufficiente frequenza. Questo sarà probabilmente il test più difficile di Federer finora, soprattutto perché Koepfer è mancino. Detto questo, il livello di King Roger dovrebbe essere sufficiente per assicurarsi un posto al quarto turno.

 

NADAL – NORRIE
Rafael Nadal cerca il 14° successo al Roland Garros. Lo spagnolo ha mostrato una forma eccellente sulla sua superfice preferita vincendo i titoli di Barcellona e Roma. La sua campagna agli Open di Francia è iniziata con una vittoria contro Popyrin, per poi spazzare via il francese Richard Gasquet (6-0, 7-5, 6-2). Norrie è arrivato al Roland Garros sulla scia di alcune solide prestazioni durante lo swing sulla terra battuta. Il britannico ha iniziato con un quarto di finale a Barcellona e proseguito con le due finali a Estoril e Lione. Il 25enne su questa superficie ha già raccolto vittorie su tennisti del calibro di David Goffin, Cristian Garin, Karen Khachanov e Dominic Thiem e grazie a questi exploit resiste nella top 50 della classifica ATP. Sarà il terzo match tra Nadal e Norrie, con lo spagnolo che conduce il testa a testa per 2-0 con entrambi gli incontri precedenti avvenuti nel 2021, agli Australian Open e nel torneo di Barcellona.

Va da sé che Nadal è il favorito schiacciante per vincere il match di sabato. Il maiorchino picchia forte sulla terra battuta e i suoi colpi sembrano essere fuori dalla portata di qualsiasi avversario. Nadal ha però lasciato sul campo qualcosa nel match contro Gasquet, convertendo solo sette delle 16 occasioni di breakpoint e mostrando un visibile calo di forma nel secondo set dopo aver dominato il primo. Cameron Norrie semplicemente non possiede le armi per impensierire lo spagnolo. Considerata la storia di Nadal al Roland Garros, ci vorrebbe solo un miracolo per il britannico.

 

 

DJOKOVIC – BERANKIS
La testa di serie Novak Djokovic affronterà il numero 93 del ranking mondiale Ricardas Berankis, lituano che ha battuto Ugo Humbert nel turno di apertura prima di superare James Duckworth nel secondo turno. A 30 anni, Berankis ha registrato la sua migliore prestazione di sempre al Roland Garros, raggiungendo il terzo turno. Il numero 1 del mondo avrebbe potuto affrontare qualche difficoltà nella sfida contro l’esperto claycourter Pablo Cuevas, ma il serbo ha superato il test a pieni voti. Djokovic è andato sotto di un break iniziale nel set di apertura, ma ha rapidamente capovolto le cose conquistando il match. Il serbo ha fornito una prestazione in crescita rispetto alla gara del primo turno contro Tennys Sandrgen.

L’incrocio più recente tra i due tennisti risale alla scorsa edizione degli Open di Francia nel secondo turno. Risultato? Djokovic vincente con soli cinque games lasciati all’avversario. Il serbo resta la più grande minaccia per Rafael Nadal al Roland Garros e con la vittoria contro Cuevas ha lanciato più di qualche segnale. Il servizio di Djokovic è diventata l’arma più potente, anche sulla terra battuta. Guardare il serbo tirarsi fuori da situazioni difficili con grandi prime è uno spettacolo familiare per gli appassionati di tennis. Lo stile di gioco di Ricardas Berankis è stato raramente premiato sulla terra battuta; il lituano ha vinto solo il 28% degli incontri sulla terra battuta nella sua carriera. Improbabile che riesca a sostenere il livello necessario per impensierire il serbo.

 

E GLI AZZURRI?
Primo scontro diretto tra Berrettini e Kwon Soonwoo, tennista sudcoreano numero 91 del ranking che ha battuto nei due turni precedenti Anderson in 3 ore e 17 minuti e Augusto Seppi in 2 ore e 40. Qualche minuto in meno nelle gambe del romano che ha eliminato rispettivamente Daniel e Coria. In particolare, nell’ultimo match contro Coria è riuscito a far valere la sua battuta, incamerando 12 dei 13 games al servizio. Non dovrebbero esserci problemi per il berretto che superando il turno incrocerà uno tra Federer e Koepfer.

Jannick Sinner se la dovrà vedere contro lo svedese Mikael Ymer, con entrambi i tennisti reduci da prestazioni dispendiose. L’altoatesino ha sofferto al suo debutto al Roland Garros contro Pierre-Hugues Herbert, riuscendo a spuntarla solo al quinto set, e anche nel derby azzurro contro Mager. Riuscirà a proseguire nel torneo senza superare le tre ore di gioco?

Derby che vai, derby che trovi: Musetti contro Cecchinato, chi vince incontrerà verosimilmente Djokovic nel quarto turno. Musetti ha sovvertito i pronostici contro il numero 13 del ranking Goffin nel match d’apertura e replicato l’impresa contro un più modesto Nishioka nel secondo turno. Cecchinato invece ha perso il primo set contro il giapponese Uchiyama per poi ribaltare la situazione, mentre nel secondo turno ha controllato il match contro De Minaur, vendicando la sconfitta della scorsa edizione. Ci aspettiamo un match tiratissimo tra i due italiani con almeno un set che risolverà al tie-break.

 

 

(Credits: Getty Images)

(298)

Redazione Redazione SNAI Sportnews che tratta tutti gli sport, con le quote, presenti sul sito snai.it... VAI ALLA PAGINA AUTORE